Il progetto: vino e agricoltura biologica

Vigna Gabbiano estate

La nostra passione per il vino e per il territorio in cui viviamo ha fatto nascere un progetto agricolo per dare valore a quel che c’è

Viviamo sulle colline di Pianello Val Tidone nell’ultima valle delle colline piacentine. Negli ultimi vent’anni abbiamo visto abbandonare in questa valle campi e vigneti, appezzamenti fertili e produttivi divenire incolto, boscaglia. Le frane superficiali, caratteristiche di questo sistema collinare, farsi più frequenti, distruggendo coltivi, case rurali, strade e sentieri. Abbiamo visto i giovani abbandonare la terra, abbiamo visto sparire orti, vecchie varietà di frutti, la perdita di biodiversità. Da tutto questo nasce il nostro progetto agricolo, un tentativo di ridare vita a queste colline.

Vino da vecchie vigne in Val Tidone

La nostra passione per il vino, ci ha portati ad acquistare una vecchia vigna abbandonata (vigna Gabbiano), circondata da coltivi abbandonati e praticamente ridiventati bosco. Abbiamo scelto l’agricoltura biologica, di non estirpare le vecchie viti, di rimpiazzare quelle mancanti con barbatelle autoprodotte con materiale genetico proveniente dalle nostre piante madri. Vogliamo praticare un’agricoltura biologicamente ed economicamente sostenibile, in pratica costruire un progetto che possa essere d’esempio, oltre che dare lavoro, nella nostra valle.

Uve “pulite” senza residui di molecole di sintesi ci servono per ottenere un vino sano, rispettoso dell’annata, del consumatore e, soprattutto, di noi stessi che siamo i primi a berlo. Un vino buono, venduto ad un prezzo equo, per noi che lo produciamo e per chi lo beve.

Dopo il primo anno di sperimentazione, abbiamo preso in affitto 2 ettari vigna abbandonata da diversi anni (vigna di Ca Nuova Pisani). Luogo vocato, panorama mozzafiato, ottima esposizione, adatto alla produzione di uva di grande qualità dove sono impiantate le 4 classiche varietà piacentine Barbera, Bonarda (croatina), Malvasia Aromatica di Candia e Ortugo.